Recensione a cura di Luca Manassero, relatore esperto della GoCamera Academy

recensione dji mavic mini

DJI Mavic Mini è l’ultima punta di diamante di casa DJI che nasce con un solo obiettivo: essere il drone che chiunque può far volare. Per fare ciò servono due requisiti: essere semplice da usare e rispettare le normative in fatto di droni.

Il drone per tutti

Tutto è costruito attorno all’idea di rimanere sotto i limiti di peso imposti dalla legge per l’utilizzo di droni a scopi non professionali. Questo obiettivo viene raggiunto limitando il peso totale del drone con batteria a soli 249 grammi, un peso estremamente leggero che colloca Mavic Mini sotto la soglia attuale di 300 grammi in Italia, e che lo tutela anche per le future normative europee in vigore da Luglio 2020.

recensione dji mavic mini

DJI si fa beffa di questo numero stampando in bella vista sulla scocca del suo ultimo drone ULTRA LIGHT 249g, cioè il peso del drone che in volo sarà appena 1 grammo sotto i limiti di legge. Gli aspetti normativi sono ancora tutti da definire e in particolare in Italia vedremo come verrà recepita la normativa, ma quello a cui DJI ha lavorato con Mavic Mini è un drone che guarda innanzi tutto al fatto di poter essere usato legalmente da chiunque.

Come raggiunge questo peso veramente sbalorditivo? Curando ogni dettaglio del drone, scegliendo plastiche ultraleggere e limitando all’essenziale ciò di cui il drone è equipaggiato. Troviamo sul Mavic Mini tutte le tecnologie precedentemente testate in anni di esperienza DJI, che donano al drone affidabilità e prestazioni.

Straordinaria tecnologia intelligente

Il drone dispone di una camera di ottima qualità in grado di raggiungere la risoluzione massima di 2,7k a 30fps e foto a 12 megapixel. La memoria microsd è facilmente accessibile dal retro del drone subito a fianco alla porta di ricarica. Il vano batterie interno si apre sempre dal retro e ospita delle batterie ultra leggere di 2400mah in grado di erogare energia ai motori del Mavic Mini per 30 minuti, il tempo in volo più lungo di qualsiasi drone DJI.

dji mavic mini recensione

La portata di segnale del drone è notevole, considerando il fatto che è basata su tecnologia Wi-Fi con un protocollo datato ma ben testato proveniente dai Phantom 3. In condizioni ideali il Mavic Mini può raggiungere circa 4 km, mentre nella vita reale in campo aperto raggiungerà senza problemi i 1000 metri di distanza. Le prestazioni cambiano quando volate in luoghi con ostacoli come montagne o alberi, ma i risultati ottenuti da questo piccolino rimangono comunque incredibili.

dji mavic mini miglior drone

Il drone è in grado di gestire in maniera egregia il Return To Home nel caso di perdita di segnale, ma riguardo ciò consiglio sempre di controllare i settaggi nelle impostazioni impostando un’altezza di RTH consona al luogo in cui vi trovate. Potrebbe essere comunque una buona strategia, assicurare Mavic Mini con DJI Care Refresh, che protegge il drone da danni accidentali.

DJI Fly App

Per questo drone, che DJI preferisce chiamare “camera volante”, è stata anche creata un’applicazione dedicata (la DJI Fly App) per interfacciare il drone al radiocomando, anch’esso molto familiare a chi ha acquistato altri droni DJI in precedenza. La chiave qui è la semplicità: sia sul radiocomando che sull’applicazione i tasti e i menu sono ridotti all’essenziale per non confondere le idee sopratutto di chi inizia per la prima volta con un mezzo del genere. Non manca niente, ma non c’è nemmeno troppo: sicuramente c’è da aspettarsi che DJI in futuro aggiunga qualche opzione che anche l’utenza più professionale richiede.

Mavic Mini: pro e contro

recensione dji mavic mini

I punti a favore di questo drone sono tanti: prezzo competitivo, ultra portabilità e leggerezza, affidabilità, semplicità d’uso e buone prestazioni della fotocamera.

Ci sono dei lati negativi? Ovviamente non è ancora il drone perfetto per tutti gli utenti. Mancano ad esempio dei sensori anti-collisione presenti invece sugli altri modelli della famiglia Mavic, la fotocamera non è sicuramente comparabile a quelle presenti sulla serie Pro, manca una vera e propria FOLLOW MODE intelligente in grado di seguire autonomamente un oggetto o persona, sono presenti solo dei QuickShot in cui il drone compie in automatico un movimento.

Rappresenta però il miglior compromesso che DJI abbia mai messo sul mercato. Apprezzato a 360 gradi da un pubblico che oscilla tra chi compra un drone per la prima volta e vuole un mezzo affidabile che non costi troppo, sia da chi invece dei droni ne ha fatto addirittura una professione e necessiterà di volare con un mezzo sotto i 250 grammi. Magari per operazioni critiche in cui gli altri droni, secondo normativa, non possono volare.

Utile? C'è molto di più, segui la Newsletter!

Accedi ai contenuti di veri esperti a tua disposizione, anteprime assolute su tutte le offerte, sconti riservati e altre guide gratuite solo per veri appassionati GoPro e DJI come te. Unisciti anche tu!

VOGLIO INIZIARE SUBITO →

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here