Che la tecnologia e, quindi i video, VR360 sia ormai dilagante lo sappiamo. Oggi, quindi, utilizzare il VR360 vuol dire sempre più non solo realizzare un video, ma avere in mano molteplici strumenti di lavoro che possono essere utili a tanti diversi clienti.

Lo streaming TV è sicuramente uno dei più interessanti e, pare, uno degli argomenti caldi per i professionisti che si avvicinano a questo settore.

Il potenziale dello streaming 360°

La possibilità di trasmettere in diretta un video VR360 è stata messa al centro dell’attenzione da Nikon. L’azienda giapponese, infatti, ha dato il via alla sfida per questo tipo di comunicazione grazie al live dell’insediamento di Donald Trump. Anche se la Nikon Keymission 360 non è una camera pensata per la diretta, con qualche adattamento è riuscita a riprendere in diretta il momento.

Il sito sul quale si è trasmesso l’evento live è UsaToday, una testata per la quale la sezione VR360 è sempre più importante nei portali dei big player news. UsaToday non è certo l’unica a puntare su questi contenuti; se siete curiosi di scoprire come anche altri si muovano in direzione di un reportage VR360, non perdetevi il prossimo articolo!

Anche l’entertainment vuole la sua parte

Non solo informazione e reportage, il VR360 si muove sempre di più verso l’intrattenimento puro. Se n’è accorta Next VR, azienda americana specializzata nel live streaming di concerti con il progetto live nation. Nel suo catalogo tanti artisti e, soprattutto, contenuti di backstage difficilmente a disposizione dei super appassionati.

Arriviamo più vicino a noi. Nella sfortunata finale della Champions League a Cardiff, le gesta sportive di Real Madrid – Juventus sono state seguite live tramite l’applicazione di  BT Sport. Un modo immersivo per non perdersi le emozioni sportive e che diventerà un riferimento anche nelle prossime programmazioni live Sportive.

Cosa muove questo interesse mainstream? Essere live oggi vuol significare immergersi completamente nell’emozione, essere in prima fila, potersi godere da ogni angolazione il momento e visualizzare live momenti unici fino ad oggi preclusi.

Cosa serve per trasmettere live?

La trasmissione live in VR360 cambiano a seconda della tecnologia che bisogna adattare a questa esigenza.

Consumer

Le nuove camere consumer promettono di andare live con risoluzioni adatte al WebNel nostro confronto è possibile trovare le camere dedicate a questo utilizzo. Queste camere fanno quasi tutto in automatico e i canali preposti all’utilizzo sono i social.

Facebook e Youtube fanno infatti a gara per offrirvi questa possibilità, gli utenti non dovranno far altro che configurare il device all’inizio.

Professionali

Sul versante professionale ci muoviamo in un ambito molto aperto. Grandi speranze vengono riposte nella ISTA 360 Pro, una camera che per 3,500€ promette prestazioni di alto livello (fino a 6k live streaming con audio spaziale).

Se invece vogliamo alzare l’asticella il riferimento è la Nokia Ozo, capace di catturare live performance ma con un prezzo decisamente da professionisti (quotazione attuale di 37,500 euro).

Al VR360 – Professional Training, il primo corso interamente dedicato al VR il Italia in collaboprazione con OmniaVision, a Milano 4 e 5 Novembre, non perderemo l’occasione per un aggiornamento sulle novità del mercato. In più avremo la possibilità di testare direttamente alcuni modelli consumer, prosumer e professionali per poter fornire una giusta panoramica e una prova sul campo dell’attrezzatura. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here